Italiani campioni di Cicloturismo

Qualche giorno fa, mentre stavo completando un nuovo progetto del quale vi renderò partecipi a breve, mi sono trovato a riflettere sul cicloturismo e su come questa meravigliosa modalità di riscoprire il territorio stia finalmente prendendo piede.

L’Italia è un luogo straordinario e quale modo migliore di scoprirlo se non in bicicletta? Del resto, questo mezzo di trasporto ha sempre occupato un posto speciale nel cuore degli italiani: basti pensare all’importanza del ciclismo nel nostro Paese.

Cicloturismo in Italia, i dati che mi rendono orgoglioso

In Italia esiste già una forte presenza di cicloturisti, attirati ogni anno in maniera sempre più forte dalle bellezze paesaggistiche di cui la nostra penisola è ricca in ogni suo angolo. Per questo motivo ritengo che investire nella promozione del cicloturismo è una decisione molto vantaggiosa: esso infatti, oltre a portare benefici fisici e ambientali di cui tutti siamo a conoscenza, giova particolarmente anche sul fronte economico.

A questo proposito, Insart-Unioncamere e Legambiente hanno condotto uno studio, a cui ha partecipato anche Legambici, presentato durante il BikeSummit2019 a Roma, dal quale è emerso che circa 6 milioni di persone hanno trascorso una vacanza in bicicletta e che il numero di cicloturisti aumenta ogni anno: dal 2013 al 2019 si è infatti registrato un incremento del 41%. A questi numeri già impressionanti si aggiungono poi tutte quelle persone che usano la bicicletta per spostarsi quotidianamente, il cui numero ammonta a circa 700 000. Tutto questo movimento di biciclette quindi, oltre che aiutare la causa ecologica, ha avuto numerosi benefici sull’economia: si stima infatti che esso abbia generato un giro d’affari di 7,6 miliardi di euro all’anno, portando a circa 12 miliardi di euro il Prodotto Interno Bici (PID), ossia la quantità di denaro derivato dall’utilizzo di biciclette.

Se i dati presentati sono motivo di orgoglio per il nostro Paese, quello che ancora rimane un tasto dolente è la scarsità di investimenti per creare nuovi percorsi ciclabili e per rendere più sicuri quelli già esistenti.

Cosa serve per essere un buon cicloturista

Con un po’ di allenamento, una giusta dose di spirito di adattamento e una percentuale di ottimismo quando le energie sembrano finire, tutti possono diventare dei buoni cicloturisti. Quello che però può rendere il tour sulla nostra bicicletta più godibile e sicuro sono gli aspetti concreti.

Vediamo quali sono gli aspetti da valutare prima di iniziare un tour su due ruote:

  • Attrezzatura tecnica per vivere al meglio questa esperienza: oltre alla scelta della bicicletta adatta al percorso, è importantissimo munirsi di casco, occhiali per riparare gli occhi da insetti e raggi UV, camera d’aria di scorta con una pompa per ristabilire la giusta pressione e di uno zaino contenente solo lo stretto indispensabile; è infatti sconsigliato sovraccaricare la colonna vertebrale con pesi eccessivi. Ricordarsi anche di munire la propria bicicletta di luci.
  • Gratitudine e voglia di lasciarsi sorprendere: lo spirito con cui si affronta il viaggio è, a mio avviso, una parte fondamentale della preparazione. Viaggiare in bicicletta offre un diverso punto di vista sul viaggio, il quale non viene più considerato come il tempo vuoto che ci permette di raggiungere una destinazione, ma come un’occasione per conoscere meglio se stessi, le proprie possibilità, i propri limiti e il luogo in cui ci troviamo, assaporandone lentamente i diversi colori, odori e rumori che ci permetteranno di associare a ognuno di essi i nostri ricordi.
  • E-bike ecologica: l’e-bike è un ottimo mezzo di trasporto ecosostenibile adatto a qualsiasi età: dai bambini agli anziani e noi di Viride Energy ci stiamo impegnando per installare un numero sempre maggiore di stazioni di ricarica sicure, efficienti ed intelligenti.

Il contributo di Viride Energy al Cicloturismo

Sono sempre stato un fervido sostenitore dell’importanza di vivere il proprio territorio in maniera attiva e non solo passiva, attraverso il finestrino di un’automobile. Per questo, ho coltivato l’idea prima e realizzata dopo di creare una società che potesse fornire gli strumenti alle persone per vivere e riscoprire il proprio territorio e le zone in cui vivono, in maniera salutare ed ecologica.

Viride Energy nasce come società di consulenza energetica non solo per i privati, ma anche per le aziende. Per sostenere e dare nuova forza al cicloturismo e alla conseguente riscoperta delle bellezze del nostro Paese (e non solo) offriamo un servizio di installazione e gestione di colonnine di ricarica elettrica, nonché il servizio di vendita e noleggio di e-bike: fino ad oggi ci hanno scelto già tante strutture alberghiere desiderose di offrire ai propri clienti un servizio ecologico, tanti condomini e associazioni comunali alla ricerca di un prodotto innovativo ed ecosostenibile.

Scegliendo la professionalità di Viride Energy, scegli e-bike di qualità e dai la possibilità a te (e ai tuoi clienti e collaboratori se sei un’azienda) di vivere la propria città, il proprio Paese e in generale il proprio Territorio con la T maiuscola in maniera salutare ed ecosostenibile.

Cristian Poma